Granarolo Volley

Un po' di Storia

C'era una volta...

Tutte la favole cominciano così, e anche le storie vere.
Tutte e due hanno qualcosa in comune: sono sempre storie con qualcosa di grande dentro. C'è la vita, ci sono i sacrifici, i sogni, gli entusiasmi, gli amori.
C'è un piccolo (??!!??) paese della pianura bolognese e c'è un gruppo di amici che ha un sogno. Non sanno, i miseri, che in breve quel sogno diventerà un incubo, per famiglie, figli, fidanzate e fidanzati, costretti a dividere i loro cari con un padrone esigente e capriccioso: il volley.

È il 1975 e i nostri decidono che il loro sogno può diventare realtà...

Si Può Fare!

Viene fondata la squadra femminile Pallavolo Granarolo che, neonata com'è, decide di farsi adottare da una grande famiglia e si affilia alla gloriosa ARCI-UISP.
Gran cosa la famiglia, ma a un certo punto bisogna prendere il largo e fare da soli, così nel 1979 c'è il grande salto: iscrizione al campionato FIPAV terza divisione, con promozione alla seconda nel 1980.
I nostri sono emiliani (scusate il campanilismo) per di più di campagna, se c'è una cosa che hanno è la voglia di lavorare e anche un po' di sbuzzo, di conseguenza nel 1983 arriva il titolo di campioni di seconda divisione e l'anno dopo quello di prima divisione, poi la serie D, la C2 (1987/88) la C1 nel 90/91 e la B2 nel 93.
A questo punto però bisogna fare delle scelte. La B2 è un grande traguardo, ma riuscire a reggere i costi del semi-professionismo è veramente duro e, soprattutto, allontana i nostri dall'idea iniziale: valorizzare le giovani del territorio di Granarolo. Per questo i diritti della B2 vengono ceduti e il Granarolo Volley (nuovo nome della società dal 1993) punta tutto sul vivaio. In questo modo si mette in conto di alternare promozioni e retrocessioni, ma si rimane fedeli all'idea originale, quella dello sport inteso come strumento di crescita per tutti e come sano divertimento, una possibilità per ragazze di tutte le età di stare bene insieme.

La storia continua...